www.solerpalau.it
 
 
 
 
 
  FORMAZIONE
 
 
 
Dispense tecniche  
 
 
 
Casi pratici di ventilazione  
 
 
 
Errori pi¨ comuni  
 
 
 
Bibliografia  
 
 
 
 
  CASI PRATICI DI VENTILAZIONE
 
ESTRAZIONE LOCALIZZATA
 
ESTRAZIONE DI VAPORI DI COTTURA
 
   
 
Una ditta di elaborazione di alimenti in conserva della Provincia di LÚrida ci indica la necessitÓ di montare un sistema di evacuazione dei vapori generati in due dei suoi processi di cottura.
 
 Ir a la soluciˇn final
 
 
  DATI DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE
 
 
 
In uno dei capannoni hanno due elementi generatori di vapore. In uno di questi, che chiamano "Cuocitore a persiana", ha installata una cappa di raccolta sul cuocitore con le seguenti caratteristiche:

Lunghezza 2,25 m
Larghezza 0,4 m
Altezza tra la zona di elaborazione e la cappa: 0,25 m


La cappa su uno dei lati lunghi si chiude sulla zona di cottura.

Il secondo punto problematico Ŕ quello denominato "Cuocitore ruotante" su cui si trovano due cappe con le seguenti caratteristiche:

Lunghezza 2,4 m
Larghezza 1,5 m
Altezza tra la base del processo e la cappa: 3,0 m


Queste cappe si trovano a un'altezza di 3,4 m dal pavimento e le macchine che ci sono sotto le stesse rilasciano il vapore su entrambi i lati.
 
 
 
 
  DETERMINAZIONE DELLE ESIGENZE
 
 
 
Per questo punto determineremo le esigenze di ventilazione applicando la seguente formula:
 
Q(m³/h) = P x h x Vc x 3.600
 
  In cui:
P = Perimetro libero della cappa
h = Altezza della cappa sulla zona di elaborazione
Vc = VelocitÓ di raccolta, in questo caso 0,25 m/s

Cuocitore a persiana:
 
Q1 = (2,25+0,4+0,4) x 0,25 x 0,25 x 3600 = 686 m³/h
 
Cuocitore ruotante:
 
Q2 = (2,40 x 2 + 1,50x2) x 3 x 0,25 x 3600 = 21.060m³/h
 
 
 Ir a la soluciˇn final
 
 
 
 
 
 
 
www.solerpalau.es