www.solerpalau.it
 
 
 
 
 
  FORMAZIONE
 
 
 
Dispense tecniche  
 
 
 
Casi pratici di ventilazione  
 
 
 
Errori più comuni  
 
 
 
Bibliografia  
 
 
 
 
  DISPENSE TECNICHE
 
  VENTILAZIONE
 
  VENTILAZIONE AMBIENTALE III
 
 
 
 
  1. Sistemi di ventilazione
  2. Entrata d'aria
 
 
 
 
  5. Sistemi di ventilazione
 
 
 
Una volta fissato il flusso necessario bisogna considerare che per raggiungere l'obiettivo previsto dovremo creare, all'interno del capannone, una leggera corrente d'aria tra l'entrata d'aria e l'riuscita di quella viziata che effettui una "scansione" corretta di tutto il capannone, o i punti in cui nasce la contaminazione (e che non è possibile aspirare tramite sistemi di raccolta localizzata).

Ovviamente, la premessa che deve essere soddisfatta è che l'aria proveniente dall'esterno abbia delle condizioni di temperatura, umidità o livello di contaminazione adeguate e inferiori a quelle dell'interno del locale da ventilare.

Successivamente si stabilirà quale sistema è più conveniente utilizzare (estrazione, mandata o entrambi assieme).

Fig. 1. Schema di un sistema di ventilazione

 
5.1 Estrazione
 
 
Ricordiamo, in primo luogo, una serie di indicazioni generali che fissano le linee da seguire nella maggior parte dei casi:
  1. Le entrate d'aria devono essere diametralmente opposte alla posizione degli estrattori, di modo che tutta l'aria passi attraverso la zona contaminata, come abbiamo già indicato nella pagina precedente.
  2. È opportuno, nei limiti del possibile, collocare gli estrattori vicino alla possibile fonte di contaminazione, in modo che l'aria nociva venga eliminata senza attraversare la totalità del locale.
  3. Bisogna far sì che l'estrattore non sia vicino a una finestra aperta, o un'altra possibile entrata d'aria, poiché l'aria entrerà dalla stessa e sarà aspirata ed espulsa causando il fenomeno noto come cortocircuito d'aria (entrata e uscita così vicine che l'aria circola solo tra questi due punti), senza che si realizzi la ventilazione prevista (purtroppo questo errore si osserva con una certa frequenza nei capannoni industriali addossati, in cui gli estrattori sono vicini ai portoni d'accesso agli stessi, che sono costantemente aperti).

Il sistema di estrazione evita le fastidiose correnti d'aria, dal momento che fino praticamente al livello del punto di aspirazione (sia che si tratti di aspirazione tramite griglie e tubature, sia che si tratti di estrattori collocati direttamente a parete) la velocità dell'aria è impercettibile, come si osserva nella Fig. 2.

Fig. 2. Schema di un sistema di estrazione

L'agente contaminante si dirige verso dei punti specifici, ad esempio l'aria o i fumi caldi che si accumulano sotto il soffitto, con la possibilità di estrarli praticamente mano a mano che si producono. Come inconveniente di questo sistema, soprattutto in flussi notevoli, avremo la difficoltà di controllare le condizioni dell'aria di entrata, provenienti dall'esterno e che deve sostituire l'aria estratta.
 
5.2 Mandata
 
 
Praticamente si introdurrebbe dell'aria proveniente dall'esterno verso l'interno dei locali da ventilare diluendo i contaminanti interni e al tempo stesso esercitando una leggera sovrappressione del locale per causare l'uscita dell'aria interna verso l'esterno dello stesso.

Generalmente è necessario l'utilizzo di tubature e griglie per ottenere la distribuzione corretta dell'aria all'interno del locale, per evitare correnti d'aria sulle persone, che possono essere fastidiose.

Fig. 3. Griglia per l'estrazione dell'aria

Questo sistema è difficile da utilizzare, di per se stesso, nei locali in cui il livello di contaminazione interna è elevato, per le difficoltà che implica il fatto di avere un buon controllo su tale contaminante, evitando che lo stesso giunga a zone dei locali a cui non arrivava senza ventilazione e, invece, è ottimale in quelli in cui, con la possibilità di controllare le condizioni dell'aria da inserire, si cerca di evitare l'entrata di contaminanti esterni, come ad esempio la polvere, verso le sale da ventilare (ad esempio il caso di sovrappressione di una sala di manovra, con quadri elettrici, di una cava).
 
5.3 Sistema combinato mandata-estrazione
 
 
Non sempre sono disponibili delle aperture dirette all'esterno in cui è possibile collocare le entrate d'aria o effettuare gli scarichi, oppure non si può costantemente pensare se si troveranno aperte o chiuse, per cui con una certa frequenza, in base al livello di ventilazione desiderato, si consiglia l'utilizzo congiunto dei sistemi precedenti per ottenere una scansione corretta di tutto l'ambiente da ventilare.

Generalmente l'utilizzo di entrambi i sistemi è associato all'utilizzo di tubatura e griglie, sia per la mandata che per l'estrazione, che ci consentiranno di ottenere una distribuzione dell'aria ottimale, e inoltre il controllo delle caratteristiche dell'aria immessa, se necessario.

Fig. 4. CVAB
Fig. 5. Ventilatore

In questo tipo di montaggi si utilizzeranno dei ventilatori (o estrattori) che dovranno essere in grado di garantire la fornitura o l'evacuazione dell'aria fino all'ultimo punto della tubatura, e per fare ciò verranno calcolate le perdite di carico delle tubature al passaggio dell'aria, argomento che verrà considerato più avanti.
 
 
 
 
  6. Entrata d'aria
 
 
 
Nei paragrafi precedenti è stata sottolineata l'importanza della necessità di prevedere entrate d'aria e di collocare correttamente le stesse per far sì che il sistema di ventilazione sia effettivo. È necessario conoscere qual è la dimensione necessaria per consentire tale entrata.

Come idea generale bisogna prevedere, come entrata, quattro volte la sezione dell'estrattore da utilizzare, anche se si può calcolare la sezione libera minima considerando determinate velocità massime, vale a dire:
  • ambienti industriali: 25 ÷ 4 m/s
  • ambienti terziari: 0,7 ÷ 1 m/s

Una volta noto il flusso e la velocità massima, sarà facile stabilire la relativa sezione d'entrata:

SE = Q / 3600 × V


Ad ogni modo si collocheranno le entrate con una dimensione in quei punti, se si può scegliere, in cui la velocità d'aria creata non può causare disturbi alle persone.

Per tale entrata, nel caso in cui non esistano finestre, si possono utilizzare delle griglie adeguate a tale scopo.
 
 
 
 
 
 
 
 
www.solerpalau.es