www.solerpalau.it
 
 
 
 
 
  FORMAZIONE
 
 
 
Dispense tecniche  
 
 
 
Casi pratici di ventilazione  
 
 
 
Errori più comuni  
 
 
 
Bibliografia  
 
 
 
 
  DISPENSE TECNICHE
 
  VENTILAZIONE
 
  VENTILAZIONE AMBIENTALE III
 
 
 
 
  4. Flusso (II)
 
 
 
Infine, se l'ambiente in cui ci troviamo non è incluso nel regolamento del RITE e sono insufficienti i flussi previsti nel Regio Decreto 486/1997 i cui paragrafi più importanti, per quanto riguarda la ventilazione, abbiamo considerato nella pagina precedente, ci dovremo attenere alla tradizionale, ma non per questo meno utile, tabella dei ricambi/ora.

Di fatto, in base al grado di contaminazione del locale, bisognerà applicare un maggiore o minore numero di ricambi/ora di tutto il volume dello stesso, come viene indicato nella tabella 1.

Rinnovo dell'aria in locali abilitati N. Rinnovi/ora
Cattedrali 0,5
Chiese moderne (soffitti bassi) 1 - 2
Scuole, aule 2 - 3
Uffici bancari 3 - 4
Mense (di Fabbriche o militari) 4 - 6
Ospedali 5 - 6
Uffici generali 5 - 6
Bar di hotel 5 - 8
Ristoranti di lusso (spaziosi) 5 - 6
Laboratori (con cappe localizzate) 6 - 8
Officine di lavorazione meccanica 5 - 10
Taverne (con presenza di botti) 10 - 12
Fabbriche in generale 5 - 10
Sale riunioni 5 - 8
Parcheggi 6 - 8
Sale di danza classica 6 - 8
Discoteche 10 - 12
Ristorante medio (un terzo di fumatori) 8 - 10
Piccionaie 6 - 10
Club privati (con fumatori) 8 - 10
Caffè 10 - 12
Cucine domestiche (meglio installare cappa) 10 - 15
Teatri 10 - 12
Bagni 13 - 15
Sala giochi (con fumatori) 15 - 18
Cinema 10 - 15
Caffetterie e Fast food 15 - 18
Cucine industriali (indispensabile usare cappa) 15 - 20
Lavanderie 20 - 30
Fonderie (senza estrazioni localizzate) 20 - 30
Tintorie 20 - 30
Panifici 25 - 35
Capannoni industriali con forni e bagni (senza cappe) 30 - 60
Officine di verniciatura (meglio installare cappa) 40 - 60
Tabla 1. Tabella di ricambi/ora

Questa tabella si basa su criteri di sicurezza e igiene sul lavoro ed ha come obiettivo quello di evitare che gli ambienti giungano a un tasso di inquinamento ambientale che possa risultare nocivo per gli operai, senza però partire né dal numero degli stessi, né da criteri più scientifici.

Si osservi che, mano a mano che il livello di possibile inquinamento del locale cresce, aumenta la quantità di ricambi da applicare ed è più difficile stabilire con precisione qual è il numero esatto di ricambi per ottenere un ambiente pulito con garanzie totali, per cui sarà l'esperienza stessa ad orientarci in casi come questi, soprattutto se si raggiungono livelli di contaminazione notevoli.
 
 
 
 
 
 
 
 
www.solerpalau.es